Vai al contenuto
Home » Acquaponica.blog: il blog italiano sull’acquaponica. » Agriponos e l’agricoltura bioponica

Agriponos e l’agricoltura bioponica

Oggi, è con grande piacere che Acquaponica.Blog ha avuto l’opportunità di dialogare con Paolo Grossi, responsabile presso Agriponos, un’azienda situata a Camisano, nota per la sua innovativa pratica di coltivazione senza suolo: la Bioponica.

Un impianto di bioponica possiamo definirlo come un sistema di idroponica biologica, infatti i moduli di coltivazione e le metodologie sono le stesse ma cambia la composizione della soluzione nutritiva di partenza.

Scopriamo insieme questa incredibile tecnica innovativa!

Come avete iniziato e come vi state sviluppando?

<<L’idea è nata nel 2019, quando ci chiedevamo come sfruttare meglio il terreno di famiglia, che era in stato di abbandono, con una tecnica agricola sostenibile e innovativa.>>

<<La scelta è caduta sull’acquaponica, ci siamo rivolti quindi a un’azienda specializzata che si è poi invece rivelata inaffidabile e abbiamo portato a termine noi la costruzione dell’impianto nel 2022. Il sistema (in serra) è composto da 4 vasche e diviso in 4 sezioni, 3 linee di torri verticali e 1 in NFT, per un totale di 600 metri quadrati.>>

Bioponica, una nuova tecnica agricola fuori suolo simile all'idroponica ma con componenti biologici ad Agriponos. Intervista su Acquaponica.Blog

<<Durante la fase di messa in opera abbiamo avuto l’opportunità di collaborare con l’Università Cattolica di Piacenza (Facoltà di Agraria) e abbiamo deciso di non partire subito con l’introduzione dei pesci, ma di tentare una nuova via. Abbiamo così iniziato a condurre uno studio e una ricerca sperimentale di confronto tra idroponica e bioponica.>>

<<Attualmente stiamo dunque producendo con successo nelle diverse sezioni dell’impianto bioponico.>>

<<Da una parte utilizziamo la bioponica con aggiunta di pollina e compost. Un’altra sezione la dedichiamo all’idroponica tradizionale con sali minerali e, infine, utilizziamo la tecnica bioponica con un bio compost che prepariamo e somministriamo come soluzione nutritiva.>>

Bioponica, una nuova tecnica agricola fuori suolo simile all'idroponica ma con componenti biologici ad Agriponos. Intervista su Acquaponica.Blog

Ma cos’è esattamente la tecnica di coltivazione fuori suolo Bioponica?

<<L’impianto di bioponica è un sistema simile all’idroponica, con moduli di coltivazione e metodologie simili, ma con una differenza nella composizione della soluzione nutritiva.>>

<<In questo sistema, il fertilizzante deriva da scarti vegetali e prodotto da humus di lombrico o pollina in infusione a freddo in vasche di fertirrigazione organica collegate a sistemi di filtraggio solido e biologico. La sostanza organica deve essere convertita e metabolizzata dalle comunità batteriche nei sistemi di filtraggio per diventare biodisponibile per le piante.>>

<<La vasca di fertirrigazione è collegata a quella di miscelazione, dove le unità di pompaggio portano la soluzione nutritiva ai sistemi di coltivazione. L’acqua scaricata, ora impoverita di elementi nutritivi assorbiti dalle piante, ritorna nella vasca di fertirrigazione. Per alimentare l’impianto bioponico con fertilizzanti organici, si possono utilizzare compost, humus e pollina.>>

<<Compost e humus possono essere prodotti in casa con una compostiera, mentre la pollina è consigliabile acquistarla da centri specializzati.>>

<<Il compost tea, una soluzione nutritiva ricca di organismi e nutrienti benefici, è consigliato per migliorare l’assunzione dei nutrienti e ridurre il rischio di malattie durante la crescita delle piante. La produzione di un buon compost tea richiede un lombricompost maturo privo di cattivi odori e resti non decomposti.>>

Quali sono i vantaggi della bioponica e cosa producete?

<<La bioponica rappresenta un’evoluzione dell’idroponica, un sistema già ampiamente consolidato nell’ambito dell’agricoltura moderna. La bioponica va oltre, introducendo fertilizzanti naturali ottenuti da rifiuti organici, apportando benefici significativi sia per l’ambiente che per la qualità dei prodotti coltivati.>>

<<Uno dei principali vantaggi della bioponica è la sua sostenibilità ambientale. Utilizzando fertilizzanti provenienti da rifiuti vegetali o animali, si riduce la dipendenza da fonti di fertilizzazione sintetica, contribuendo a diminuire l’impatto ambientale negativo associato a tali sostanze chimiche. Questo approccio consente di coltivare in modo più ecocompatibile, promuovendo la salute del suolo e preservando la biodiversità.>>

<<La flessibilità della bioponica, integrando con successo l’idroponica con fertilizzanti naturali, la rende adattabile a diverse esigenze e condizioni ambientali. Questa versatilità è particolarmente vantaggiosa per gli agricoltori che cercano soluzioni innovative e sostenibili, adatte a fronteggiare sfide ambientali e climatiche.>>

Cosa coltivate negli impianti di Bioponica e Idroponica?

<<Attualmente coltiviamo fogliose in inverno e nelle mezze stagioni, mentre dalla primavera a inizio autunno puntiamo su fragole, pomodori ed erbe aromatiche come il basilico.>>

<<Trasformiamo anche i prodotti in azienda e vendiamo la confettura di fragole, il pesto e la passata.>>

Bioponica, una nuova tecnica agricola fuori suolo simile all'idroponica ma con componenti biologici ad Agriponos. Intervista su Acquaponica.Blog

Quali sono i consigli che daresti a chi vuole aprire un’azienda bioponica?

<<Prima di tutto di informarsi sulla tecnica bioponica, che è ancora sperimentale e non c’è uno standard di settore,  e in generale sull’ agricoltura fuori suolo. Poi inizierei dalla fine: prima penserei a cosa coltivare e a chi rivendere i prodotti.>>

<<Una cosa molto importante che mi sentirei di condividere è quella di “imparare” a fare l’imprenditore agricolo. Spesso si ha la concezione che realizzare un’azienda che coltiva piante fuori suolo sia come accendere la spina e che la macchina funzioni da sola. La realtà è che fare impresa non è una passeggiata ed essere imprenditore ti espone a diversi pericoli.>>

Bioponica, una nuova tecnica agricola fuori suolo simile all'idroponica ma con componenti biologici ad Agriponos. Intervista su Acquaponica.Blog

Agriponos tra le 500 migliori startup foodtech

Agriponos è stata selezionata tra le 500 finaliste di “FoodTech500 2020”, la prima lista mondiale di iniziative imprenditoriali che coniugano alimentazione, tecnologia e sostenibilità.

FoodTech500 è realizzata da Forward Fooding, che negli anni ha costruito una rete di Food Tech Innovators con l’obiettivo di supportare gli imprenditori nel loro sviluppo aziendale e nella creazione di modelli collaborativi e innovativi.

Rispondi