Acquaponica

Acquaponica: l’agricoltura fuori suolo sostenibile e simbiotica fra pesci e piante.

Cos'è l'aquaponica

Per definizione “l’acquaponica è la coltivazione agricola di piante, unita all’allevamento di animali acquatici in un ambiente a riciclo d’acqua chiuso e continuo”.

Brevemente, l’acquaponica permette di coltivare all’interno o all’esterno le piante con la stessa acqua dei pesci.

Precisamente il termine acquaponica indica l’unione delle parole acquacoltura e idroponica, formando cos’ una tecnica di agricoltura mista all’allevamento.

Cosa significa acquaponica

La parola acquaponica deriva dal latino, dove il termine “acqua-ae è ricondotto alla radice indo-europea ak- (con il significato di piegare), parola ripresa poi con l’aggiunta di pónos (lavoro). Acquaponica= piegare con l’acqua.

Come funziona l'acquaponica?

Si parla di acquaponica quando le piante e i batteri puliscono l’acqua per i pesci.

Pesci

Mangiando producono gli scarti necessari e creano le giuste condizioni nell'impianto.

Batteri

Nell'impianto acquaponico, vivono i batteri che replicano i processi naturali del terreno.

Piante

Le piante assorbono i nutrimenti e puliscono l'acqua che ritorna pulita ai pesci.

Acqua

La risorsa più importante per il nostro pianeta: l'acqua. All'interno dell'impianto acquaponico, l'acqua ricircolando permette all'ecosistema di formarsi.

Quali sono i vantaggi dell'acquaponica?

Benefici Alimentari
0 %
Sano
0 %
Sicuro
Vantaggi Ecologici
0 %
Risparmio acqua
1 %
Ecosostenibile
Guadagni Economici
1 X
pesci + piante
0 X
produttività
Prodotto di qualità

Stesse proprietà organolettiche, ma più etico e responsabile.

Genuino

NO prodotti chimici o fertilizzanti di sintesi, ridotto uso di antibiotici.

Redditizio

Un impianto acquaponico consentendo di produrre ortaggi e pesci tutto l'anno.

CO2

Gli inquinanti nell'aria, nell'acqua o nel terreno sono notevolmente ridotti.

Nichel free

I prodotti coltivati in acquaponica sono nichel free e hanno meno inquinanti esterni.

Infestanti

L'ambiente controllato permette di ridurre i patogeni esterni, limitando così gli infestanti.

Come funziona l'acquaponica?

Il Ciclo dell'Azoto

Il Ciclo dell’Azoto è un processo naturale con il quale, in natura, avvengono gli scambi gassosi fra il terreno, l’aria e gli esseri viventi.

Questo meccanismo, nell’acquaponica, porta alla trasformazione dei compost organici, consentendo ai batteri di convertire i rifiuti dei pesci in nutrimento per le piante.

1. Sottosistema di acquacoltura
L’acqua viene fatta ricircolare all’interno nell’impianto tramite delle pompe idriche. I pesci attraverso l’alimentazione producono scarti e ammoniaca.
2. Filtrazione batterica e nitrificazione

I batteri “buoni” iniziano a formarsi nell’impianto.

Il ciclo dell’azoto avvia il suo processo di nitrificazione.

L’ammoniaca viene convertita in nitriti, poi in nitrati.

3. Sottosistema idroponico

L’acqua ora è ricca di azoto, elemento fondamentale per la crescita di tutte le piante.

Nel sottosistema idroponico la pianta, attraverso le radici, “beve” e fito-depura l’acqua che ritorna così ulteriormente pulita nella vasca dei pesci.

Perchè fare acquaponica?

Le prime civiltà di cui abbiamo traccia ad utilizzare un procedimento simile sono quelle Babilonesi. Successivamente in Asia, ma anche in Sud America con la civiltà degli Aztechi.

Leggi l’articolo ->

  • Consente una doppia produzione simbiotica fra pesci e piante;
  • Alta intensità di coltivazione per metro quadrato;
  • Destagionalizzazione dei prodotti in serra: una produzione continua di prodotti alimentari, si può raccogliere ogni giorno, 365 giorni all’anno;
  • L’acquaponica impiega meno manodopera richiesta per la manutenzione degli impianti di acquacoltura tradizionale, presenta fra l’altro attività quotidiane più adatte chi ha difficoltà motorie o disabilità;
  • Può essere usata per riqualificare terreni secchi e non arabili come ad esepio deserti e suoli degradati o salati, isole sabbiose e terreni non arabili.

Leggi i Pro e Contro dell’acquaponica ->

L’agricoltura intensiva inquina.

Per coltivazione idroponica o idrocoltura s’intende una delle tecniche di coltivazione fuori suolo; precisando la terra è sostituita da un substrato inerte.

Nell’acqua vengono disciolte sostanze nutritive adatte per la crescita veloce e salutare delle piante in un ambiente controllato.

Il riciclo dell’acqua è chiuso.

Al contrario, nell’acquaponica il fertilizzante viene dato dagli scarti dei pesci.

Scopri di più sull’idroponica ->

La produzione ittica di pesce inquina.

Gli impianti di acquacoltura R.A.S. (Recirculating aquaculture systems) utilizzano una serie di processi e trattamenti di filtraggio per mantenere alta la qualità dell’acqua, ma hanno come problema lo smaltimento delle acque reflue.

L’acquaponica invece utilizza le piante per depurare e filtrare le impurità rilasciate dai pesci, riciclando gli scarti e assorbendo micro e macro nutrienti per alimentarsi.

Scopri l’acquacoltura ->

  • È importante considerare che non vengono impiegati prodotti chimici o pesticidi, in aggiunta i vegetali crescono nichel-free.
  • In secondo luogo, ha una quasi totale assenza di insetti e parassiti.
  • In causa di questo, l’acquaponica possiede una maggiore sicurezza da inquinanti esterni.
  • Da ultimo, vengono utilizzati meno antibiotici per il pesce.

I prodotti possono avere delle caratteristiche organolettiche superiori. In altre parole, non essendo trattato, il cibo risulterà comunque più salutare e, a tal proposito, meno inquinato.

L’agricoltura biologica è l’unica forma di agricoltura sostenibile interamente normata.

Per i prodotti dell’agricoltura biologica e per la loro etichettatura si deve attualmente seguire il Regolamento (CE) 834/2007 del Consiglio, del 28 giugno 2007, abrogato e sostituito dal Regolamento (UE) 2018/848.

Leggi l’articolo completo ->

L’acquaponica è un’attività nuova e innovativa.

Prima di realizzare l’impianto acquaponico, dovrai sapere come inquadrare la tua azienda, facendo affidamento al Business Plan, e al cash flow.

Su Acquaponica.blog troverai manuali, articoli.

Scrivici in chat per un consiglio, saremo lieti di aiutarti.

Leggi 5 cose da sapere prima di aprire un’azienda agricola in acquaponica ->

Hai un terreno, un’azienda agricola o vuoi realizzarla in acquaponica?

Vuoi fare un impianto acquaponico fai da te in casa?

Ci sono varie aziende in Italia e all’estero di cui ci fidiamo.

Affidati a esperti per valutare il tuo investimento. Contattaci per maggiori informazioni.

La nostra consulenza ti può aiutare nella creazione del tuo impianto e ti consiglia cosa acquistare e cosa no, in base alle tue esigenze.

Scopri i nostri servizi ->

Soluzioni su misura per le tue esigenze

Scarica l'e-book e avvia la tua azienda acquaponica!

Acquistando questo E-book otterrai competenze e supporto:

  • Inquadramento e leggi in Italia;
  • Come a scrivere il Business Plan;
  • Consulenza prioritaria;
  • Prezzo agevolato e continui aggiornamenti;

Scarica questo e-book e scopri tutti i consigli utili per avviare la tua azienda acquaponica

I nostri utenti dicono che:

Carlo è un ragazzo in gamba e preparato.

Abbiamo deciso di affidarci a lui per ampliare la nostra attività agricola

È venuto in azienda a fare il sopralluogo, ci ha elencato tutte le possibili alternative adattandosi alle nostre esigenze. Un professionista

Luca

Imprenditore

L’E-book è un ottimo spunto per approcciarsi all’acquaponica in ottica economica, specialmente per chi come me è un neofita. L’opportunità di avere una consulenza con un esperto è davvero utile per chiarire qualsiasi perplessità.

Antonietta

Appassionata di acquaponica

Mi sono trovato molto bene, in poco tempo e con i giusti consigli sono riuscito a migliorare il mio impianto hobbistico. Grazie mille.

Flavio

Hobbista acquaponico

Mi sono trovato molto bene con il servizio consulenziale di Aquaponica.blog.

Ottimo supporto e disponibilità! 

Francesco

Aspirante acquaponico

Hai ancora dubbi?

Scrivici qui o in chat!

Leggi gli articoli sul Acquaponica.blog!

Tocca l'impronta e accedi agli articoli